real
time web analytics
Ultimo aggiornamento:11 December 2018 - 1:59.
Articolo di: Francesco Fusco

20181102 VIPNELLARETE Corona TottiIl messaggio di Corona da Instagram (fonte Instagram)E’ passata ormai una settimana dalla lite tra Fabrizio Corona e Ilary Blasi avvenuta durante la diretta del Grande Fratello Vip, eppure il re dei paparazzi è ancora al centro dell’attenzione sul tutto il web. Proprio ieri, infatti, Corona ha pubblicato una foto di Francesco Totti sul suo Instagram accompagnata da un post di scuse: “Sei un grande uomo. Ti ho sempre stimato e ci siamo sempre rispettati. Sei la storia del calcio italiano e sei l’unico pulito, onesto e attaccato ai valori in questo mondo di corrotti, in cui contano solo i soldi, gli status simbol e le cose effimere”.
Per ora niente scuse alla moglie, ma solo frecciatine che fanno intendere che la guerra non è ancora finita… Intanto, appaiono moltissimi commenti di utenti che gli suggeriscono di riappacificarsi.
“Tu facevi il tuo lavoro con passione, come io facevo il mio, pur essendo moralmente criticabile, ma era pur sempre il mio lavoro e io lo amavo. Mi dispiace per ciò che è successo e mi dispiace per te e per i tuoi figli. La mia stima rimane immutata e mi lega a te un ricordo indelebile, le emozioni che ci hai fatto vivere, a me e ai detenuti della cella 116, quel giorno durante la tua ultima partita, nel tuo stadio, con la tua maglia, mentre davi il tuo addio al calcio. Onore a te capitano, continuo a stimare te e rispettare te e i tuoi figli. #capitano”.

Sembrerebbe tutto risolto, ma poche ore dopo, attraverso le sue storie, Corona attacca i tifosi della Roma.
“Mi stanno chiamando un sacco di amici che dicono “vai a leggere i commenti sotto il post che hai fatto su Totti” che dicono che sei un bipolare e che cambi idea e che ti caghi sotto”.

“Non ho fatto passi indietro, io dico sempre ciò che penso. Non ho paura, non ho paura dei tifosi della Roma, me ne f... dei tifosi della Roma, non ho paura di nessuno, neanche della morte... Ma rispetto Totti: io non ce l’ho mai avuta con lui. Chi ha pagato da tutta questa storia sono stati i nostri figli. Io rispetto chi si siede a un tavolino e parla, anche degli errori commessi”. Quindi ha cantato «Grazie Roma», l’inno della Roma.


Articolo di: Francesco Fusco

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).