real
time web analytics
Articolo di: Salvatore Orfino
Foto di : Giulia Piccioli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

20181126 Sidival Fila 0011Come si evince dalle parole espresse dal Professor Bruno Corà nel testo critico legato alla mostra e denominato " le cuciture dell'autenticità", le opere di Sidival Fila sono da tempo conosciute e studiate, lo testimoniano le pubblicazioni dedicate all’artista presenti in questa mostra nella Gallerja di via della Lupa a Roma aperta fino al 19 gennaio 2019.
Il cammino artistico compiuto da Sidival Fila è trentennale, le motivazioni e le spinte iniziali che hanno accompagnato l’artista nelle opere di esordio consistevano nel sollecitare la percezione individuale dell’osservatore invitandolo a relazionarsi con loro e a prendere atto che la pittura si può realizzare non solo con il colore ma anche attraverso l’utilizzo di materiali diversi.
Dalla sperimentazione datata 1987 con la realizzazione di un’opera realizzata con fili di spago colorato e di linearismi fluidi che ricordano “l’action painting” di Jackson Pollock, si arriva alla produzione di quadri negli anni Duemila dove l’attenzione è rivolta all’elaborazione delle materie ed alla ricerca di un elemento linguistico che soddisfi le esigenze comunicative di esponenza umanistica fondanti la sua militanza artistica e di carattere spirituale. Ne deriva una produzione artistica a base materica le cui superfici di tela sono fortemente sensibilizzate e strutturate da pieghe del tessuto dipinto ad acrilico.
L’ago e il filo divengono in questi anni e sino ad oggi, e le opere in mostra lo testimoniano, gli utensili e gli elementi con cui elaborare l’opera e la sua spazialità.
Il filo guidato dall’ago, dietro l’azione di Fila, coniuga parti diverse della superficie delle pieghe della tela, visualizzando tensioni che prima ancora che essere fisiche sono emotive, mentali e al contempo rispondenti a precisi disegni e morfologie concepite dall’artista, il quale col filo costruisce la fitta scansione parallela di cuciture, la cui quota è la più vicina all’occhio dell’osservatore. La pittura, pur monocroma, in alcuni casi eccepisce dalla regola e rifugge dall’essere di colori “piatti”. La ripetizione del gesto della cucitura simboleggia un moto interiore: è pensiero sotto forma di interiezione.
Possiamo affermare che per Sidival Fila ago e filo sono al servizio di un’autenticità che si rivela come atto epico concepito come ausilio al vero e al bello, che si possono manifestare tanto nell’elaborazione di forme in un tessuto come anche in righe di inchiostro, in una pagina scritta.


Articolo di: Salvatore Orfino

Foto di : Giulia Piccioli

 

GALLERY:

 

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma: 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Codice Destinatario Fattura Elettronica: N92GLON

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Questa testata non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene grazie ai partner commerciali.

 

Ti piace l'articolo?

Close

Premi il bottone sottostante per seguirci