real
time web analytics
Articolo di: Federico Pasquali

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

cinemametropolitanSala cinematografica, ufficio ed uno spazio commerciale. Dopo dieci anni di abbandono totale per la sala di via del Corso, è stato presentato a Roma dal sindavo Virginia Raggi in nuovo progetto di riqualificazione approvato dalla Giunta.

Circa duemila i metri quadrati totali a disposizione che prevedono con 320 metri quadrati per una sala cinematografica da 99 posti per garantire la continuità funzionale della struttura a cui si affiancheranno 51 metri quadri di uffici e 1800 metri quadrati destinati ad attività commerciali.

"Siamo qui con grande soddisfazione per chiudere una fase molto complessa e aprirne una molto interessante", le dichiarazioni del sindaco  Raggi, "Da troppi anni vediamo le sale in sofferenza anche per una modifica dei comportamenti dei consumatori, abbiamo visto chiudere tanti cinema a Roma e da tanto tempo ci interroghiamo su come intervenire. Con questo intervento manteniamo la vocazione della struttura del Metropolitan e andiamo a vivificare due sale attraverso contributi volontari della proprietà".

Per quanto riguardano i tempi di realizzazione del rifacimento della struttura sono previsti dai 12 ai 15 mesi di lavori a partire dalla firma della convenzione che tra l'altro garantirà un uso gratuito ventennale da parte dell'amministrazione comunale. Le attività commerciali presenti riguarderanno un brand di qualità, un'attività di tipo tutelato ovvero di qualità. Sicuramente non di ristorazione.


Articolo di: Federico Pasquali


 

 

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma: 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Codice Destinatario Fattura Elettronica: N92GLON

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Questa testata non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene grazie ai partner commerciali.

 

Ti piace l'articolo?

Close

Premi il bottone sottostante per seguirci