real
time web analytics
Articolo di: Riccardo Piccioli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

20180714 RogerWaters RomaDopo cinque anni di assenza da Roma, tempo in cui propose nel 2013 allo Stadio Olimpico il tour "The Wall live", la tappa romana del tour mondiale 'Us + Them Tour' è inserita all'interno, come spin off, del festival 'Rock In Roma', l'evento estivo che da anni porta a Roma i più grandi nomi della musica mondiale giunto ormai alla decima edizione.

Teste, cuori, anime dei 45mila fans accorsi al Circo Massimo per lo spettacolo dell'anno sono state attraversate da due ore e mezza di musica. Un vero e proprio mega-musical in cui ogni canzone, con visual suo maxi schermi, rappresenta una scena che anticipa o segue un'altra scena e ha senso solamente se inserita lì dove Roger Waters ha voluto posizionarla nella scaletta. Un lavoro certosino di incastri musicali e di messaggi trasmessi al pubblico che rende questo concerto unico nel suo genere. Impensabile proprio per questo motivo variazioni di scaletta rispetto agli altri concerti dello stesso Tour.

Subito dopo aver suonato "Pigs" l'appello di Roger Waters è stato: 'Restiamo umani', quando sullo schermo lungo più di sessanta metri piazzato alle spalle del palco, scorrevano senza sosta le immagini del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Tutto questo mentre un gicantesco maiale gonfiabile volteggiava e rimbalza sulle teste del numeroso pubblico.

Show spettacolare quindi nella suggestiva cornice di Circo Massimo, accanto alla villa degli imperatori romani in cui è stata imperniata una lunga cronaca del dramma umanitario seguito sempre dall'appello al recupero del senso di umanità. "Non per noi - spiega Waters - ma per i nostri figli e per i nostri nipoti. Dobbiamo permettere anche a loro di godere delle colline toscane come del deserto dell'Afghanistan. E c'è qualcuno che vuole distruggere tutto questo". Uno spettacolo volto a spingere gli spettatori a prendere posizione, insomma, e a recuperare un senso di umanità.


Articolo di: Riccardo Piccioli

 

 

SCALETTA:
Prima Parte
(Speak to Me)/Breathe
One of These Days
Time
Breathe (Reprise)
The Great Gig in the Sky
Welcome to the Machine
Déjà Vu
The Last Refugee
Picture That
Wish You Were Here
The Happiest Days of Our Lives
Another Brick in the Wall Part 2/Part 3

 

Seconda parte
Dogs
Pigs (Three Different Ones)
Money
Us and Them
Smell the Roses
Brain Damage
Eclipse

 

Bis
Mother
Comfortably Numb
----------

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Like what you see?

Close

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...