real
time web analytics
Articolo di: Riccardo Piccioli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

RingoStarr 9xo7m97gL'ex Beatle, reduce dal concerto del'8 luglio scorso al Lucca Festival e del 9 a Marostica in Veneto, si presenta al pubblico di Roma con l'ultima data del suo mini tour in Italia.

Nella Cavea dell'Auditorium di Roma non solo un concerto del batterista del più grande gruppo rock del mondo, ma un vero e proprio happening musicale con i suoi compagni musicali che compongono la All Starr Band: Steve Lukather (cantante e chitarrista dei Toto), Colin Hay (cantante e chitarrista dei Men at Work), Gregg Rolie (tastierista già al fianco di Santana e Journey), Graham Gouldman (bassista dei 10cc), Gregg Bissonette (nel corso della sua carriera ha suonato le percussioni per - tra gli altri - Duran Duran, Toto e Joe Satriani) e Warren Ham (ai fiati per i Kansas).

Poche le  canzoni ripescate dal repertorio dei Beatles, forse quelle più attese dal pubblico, brani come "With a little help from my friends", "Yellow Submarine" e "Don't pass me by", ma anche pezzi dei gruppi nei quali hanno militato i suoi compagni di band: da "Rosanna" e "Hold the line" dei Toto a "Black magic woman/Gypsy queen" di Santana, passando per "Down under" dei Men at Work e "The things we do for love" dei 10cc.

Un All Star che ha regalato un'ora e quaranta di ottime canzoni dai rispettivi repertori, in una vera e propria festa in musica che ha entusiasmato gli spettatori del Roma Summer Fest anche se, molti dei presenti avrebbero voluto più brani interpretati dal'ex beatle di Liverpool ancora in grande forma fisica nonostante le 78 primavere, sorridente, energico e prodigo di "peace & love", il mantra che ripeteva praticamente a ogni canzone.

Una band davvero ben affiatata, una macchina del groove perfettamente oleata che ha macinato note, assoli e aneddoti senza mai un attimo di pausa o un calo di tensione, in cui ogni musicista passava idealmente la palla all'altro, in un perfetto gioco di squadra.


Articolo di: Riccardo Piccioli

 

SCALETTA:
Matchbox
It don't come easy
Dreadlock holiday
Evil ways
Rosanna
Down under
Boys
Don't pass me by
Yellow Submarine
I'm not in love
Black magic woman/Gypsy Queen
You're sixteen
Anthem
Overkill
The things we do for love
Oye como va
I wanna be your man
Hold the line
Photograph
Act naturally
With a little help from my friends
Give peace a chance

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Like what you see?

Close

Hit the buttons below to follow us, you won't regret it...