real
time web analytics
Articolo di: Giulia Piccioli
Foto di : Salvatore Orfino

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

20190214 Mo me lo Segno 0001Buono il successo alla prima di "Mò me lo segno", uno spettacolo tributo all'indimenticato Massimo Troisi scomparso venticinque anni fa.

In una serata particolare, quella di San Valentino, Geppi di Stasio assieme a Roberta Sanzò, Alida Tarallo, Carlo Badolato e i musicisti Sergio Colicchio e Emiliano Federici, hanno dato vita ad uno spettacolo, prodotto da Trepareti, dedicato al cuore in tutte le sue forme, prorpio quel cuore è stata la causa del decesso dell'artista di San Giorgio a Cremano poco dopo il termine delle riprese del suo film "Il Postino".

La prima dello spettacolo è stato preceduto nel pomeriggio dalla partenza di una ciclopedalata in cui i partecipanti hanno distribuito a tutti buste rosse contenenti frasi di Pablo Neruda.

Si perché nello spettacolo le analogie tra Troisi e Neruda sono davvero tante, un approccio laico alla vita da divenire una sorta di identica visione politica, l’essere figli di ferrovieri, l’essere uomini del Sud, l’essere accomunati dall’ideale marino e dalla sensibilità al fascino femminile.

Una prima quindi molto partecipata al Teatro delle Muse in cui musica, poesia, immagini e divertimento sono gli unicci ingredienti di "Mò me lo segno", il titolo tratto da una delle più famose battute di Troisi, perché al cuore ci si pensa con la testa.


Articolo di: Giulia Piccioli

Foto di : Salvatore Orfino

 

Gallery:

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma: 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Codice Destinatario Fattura Elettronica: N92GLON

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Questa testata non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene grazie ai partner commerciali.

 

Ti piace l'articolo?

Close

Premi il bottone sottostante per seguirci