real
time web analytics
Articolo di: Salvatore Orfino

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

logo fidalLunedi 20 novembre sarà la data dell'inaugurazione dello stadio Paolo Rosi di Roma, la casa dell'Atletica Leggera romana e storica struttura dell'acqua acetosa, in ristrutturazione dalla dalla metà del mese di settembre.

La pista, in evidente stato di degrado, dal punto di vistra infrastrutturale, ha subito il rinnovamento grazie ad un accordo tra l'Amministrazione comunale di Roma Capitale e la Federazione Italiana Atletica Leggera siglato nello scorso mese di marzo con l'obiettivo di promuovere, valorizzare e diffondere lo sport ed in particolare l’atletica leggera nelle varie fasce d’età della popolazione, con particolare riguardo alle categorie disagiate e alla terza età utilizzando proprio lo stadio Paolo Rosi affinchè possa diventare un vero e proprio polo di riferimento e di aggregazione per le diverse specialità sportive dell’atletica: una struttura per tutti, professionisti e amatori.

Daniele Frongia, assessore allo sport di Roma Capitale ha infatti dichiarato: "Uno stadio così importante e storico, dove si allenava Mennea, intitolato alla memoria del grande cronista sportivo Rai voce dell’atletica per oltre venti anni e che ha visto gli allenamenti per le Olimpiadi del 1960 non poteva restare nello stato in cui versava" con l'impegno di mettere a disposizione annualmente otto borse di studio a disposizione per i giovani talento dell'atltica romana.

Lunedì prossimo alle ore 10,30 quindi l'inaugurazione e la riapertura dell'impianto alla presenza del presidente del CONI Giovanni Malagò, del presidente FIDAL Alfio Giomi e dell’assessore allo sport di Roma Capitale.


Articolo di: Salvatore Orfino

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma: 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Codice Destinatario Fattura Elettronica: N92GLON

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Questa testata non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene grazie ai partner commerciali.

 

Ti piace l'articolo?

Close

Premi il bottone sottostante per seguirci