real
time web analytics
Articolo di: Federico Pasquali
Foto di : Giancarlo Biagini

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

20190606 200 mt uomini 001Due i record polverizzati da Michael Norman, il numero uno dei 400 metri, sulla pista dello stadio Olimpico nel Golden Gala Pietro Mennea, quarta tappa Diamond League della IAAF. Con un vento musirato 0,7 , Norman abatte il primato della manifestazione con il tempo di 19"70 ma anche il record detenuto sul suolo italiano e che resisteva da decenni, quello del figlio del vento Carl Lewis che era fermo sul cronometro di 19"82. Pe rla prima volta Norman si piazza davanti a Noah Lyles anche in questo caso abbattendo con il suo tempo, 19.72 anche lui il primato dello Stadio Olimpico di Roma proprio nella gara del suo esordio stagionale perdendo una imbattibilità che si prolungava nel tempo da tre anni.

Da notare anche che Michael Normal questa è la dodicesima prestazione di sempre  al di sotto del suo personale 19"84.

Per i colori azzurri, il talento nostrano Filippo Tortu, una buonissima gara che evidenzia20190606 200 mt uomini 003 una buona partenza ed una progressione purtroppo non mantenuta fino alla linea del traguardo, n cui, sul rettilineo finale paga qualche centesimo tagliando il traguardo in 20"36, qualche centesimo in più davanti al suo pubblico che lo acclama dagli spalti di ogni ordine. 

Tortu conclude la sua prestazione in quinta posizione realizzando comunque il secondo tempo della sua carriera preceduto dall'ecuadoriano Quinonez (20"17) e dal campione del mondo e d'Europa Guliyev, che, con il tempo di 20"35  si lascia alle spalle di un solo centesimo proprio l'atleta azzurro Tortu.

“Mi aspettavo sicuramente qualcosa di meglio, però devo rivedere la gara per capire dove ho sbagliato e dove posso migliorare”, le prime parole a caldo del primatista italiano dei 100 metri. “Non sono soddisfatto del tempo - prosegue il brianzolo delle Fiamme Gialle - ma è stata una bellissima serata in una atmosfera fantastica. E non sarà una gara a far andare in fumo una stagione, ora pensiamo a migliorarci e vediamo cosa fare per i Mondiali di Doha. Oggi si è visto che gli altri sono più forti, si sapeva che avrebbero fatto una gara a parte. La cosa buona è che sono arrivato molto vicino al campione del mondo Guliyev”.


Articolo di: Federico Pasquali

Foto di : Giancarlo Biagini

RomaSportSpettacolo

Periodico Settimanale

Registro Stampa Tribunale di Roma: 141 del 7/9/2017

Produzione ed Edizione: AC Obiettivo Roma

P.iva/C.f. 14368351004

Codice Destinatario Fattura Elettronica: N92GLON

Direttore Responsabile: Mario di Francesco

Tutto il materiale contenuto in questa testata giornalistica è protetto da copyright ed è di prorietà intellettuale dei rispettivi autori.

La materia trova disciplina nei seguenti testi di legge: art. 10, comma 1, convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (ratificata ed eseguita con la L. 20 giugno 1978, n. 399); artt. 65 e 70, Legge 22 aprile 1941, n. 633 (Legge sul Diritto d’Autore).

Questa testata non usufruisce di contributi pubblici e si sostiene grazie ai partner commerciali.

 

Ti piace l'articolo?

Close

Premi il bottone sottostante per seguirci