Skip to content

A Roma si e svolta  la mostra “The captured house” di artisti ucraini contemporanei che documentano la guerra in Ucraina

Dal 10 giugno al 16 giugno  2022, lo spazio WeGil a Roma ha ospitato la mostra di arte contemporanea ucraina sulla guerra – “The Captured House”. Comprende 200 opere di artisti ucraini contemporanei che documentano in tempo reale la catastrofe umanitaria in Ucraina a causa dell’invasione russa e incoraggiano il pubblico internazionale a dialogare sull’Europa come “la nostra casa comune”.

l titolo della mostra vuole ricordare quel senso di costrizione alla fuga che sta vivendo il popolo ucraino ed è preso in prestito dal libro Julio Cortázar, Casa Tomada, il cui protagonista è costretto a fuggire dalla propria casa invasa da una forza sconosciuta e da un male incommensurabile.

L’arte è un modo per dire la verità, non solo scioccare la notizia. Nella mostra, non abbiamo un dialogo generale con le masse, ma costruiamo un dialogo con ogni spettatore personalmente. Il nostro obiettivo è dimostrare che la guerra non è un’astrazione, non una pagina di un libro di storia e non una fotografia nei notiziari. La guerra è un’esperienza molto personale e profonda che ha cambiato la vita di 44 milioni di ucraini”, ha affermato la curatrice Katya Taylor alla cerimonia di inaugurazione della mostra.

Rappresentiamo il governo ucraino in Italia e ci interessa che gli italiani sappiano il più possibile sulla guerra. L’arte per me è uno dei modi più efficaci per raccontare loro gli eventi del nostro Paese. Dalle notizie si possono apprendere solo fatti asciutti, ma l’arte può evocare vivide emozioni nelle persone e trasmettere ciò che i normali ucraini stanno provando ora “, ha affermato Oksana Amzhdadin, consigliere dell’Ambasciata dell’Ucraina in Italia, che ha anche partecipato alla cerimonia di apertura.

La mostra “The captured house” comprende più di 100 opere di pittura e grafica, fotografie, sculture e installazioni di 50 artisti ucraini contemporanei. Tra questi: Alevtina Kakhidze, Vlada Ralko, Daria Koltsova, Mikhail Ray, Kinder Album, Eugene Maloletka, Max Levin, Gamlet, Igor Gusev, Masha Shubina, Zolotar (Alexei Zolotarev), Stas Zhalobnyuk, Vladimir Budnikov e altri. Dopo l’invasione russa, alcuni degli artisti sono rimasti a vivere e lavorare a Kiev, Kharkiv, Kherson, Donetsk e in altre regioni dove le ostilità erano e sono in corso.

Qualcuno ha parlato della quotidianità di tutti i giorni, come Anton Logov nella sua opera dal titolo “Drawings on the full-scale war in Ukraine”; altri hanno documentato l’esodo degli sfollati come Hanna Hrabarska che in rima persona insieme alla madre hanno abbandonato la propria casa per fuggire in un’altra città; Zolotar (Oleksiі Zolotariov) ha iniziato un diario di disegni dal primo giorno di guerra. Nelle allarmanti figure nere non si trovano solo immagini del nemico, ma anche case ucraine in rovina e destini dei suoi connazionali mutilati. Le immagini gridano la crisi dell’umanità. Al momento l’artista si è trasferito a Berlino dove vive e lavora.

Alevtina Kakhidze ha vissuto la tragedia nel villaggio di Muzychi (regione di Kiev) con il marito e la sua opera parla di “generalizzazione”, aspetto che oggi in Ucraina è la regola. Chiunque e qualunque cosa può essere spazzata via, gli esseri umani, le opinioni, le buone azioni così come gli alberi, gli animali e le case possono essere distrutti in qualsiasi momento.

Masha Shubina era nel suo studio d’arte a Kiev col marito, l’artista Ilya Chychkan, quando è iniziato tutto. È tra quegli artisti che ha potuto riprendere il suo lavoro solo una volta tornata a casa, dopo oltre un mese di viaggio: i fazzoletti ricamati che ricordano l’ambiente domestico e la sua quotidianità sono diventati la “tela” delle sue esperienze di guerra.

La mostra THE CAPTURED HOUSE. ROME, che ha visto come prima tappa Berlino nella sede dell’Alte Munze Art Center nello scorso maggio e che dopo Roma andrà a ad Amsterdam e Bruxelles, avvicina il pubblico al popolo ucraino attraverso interpretazioni, simboli e codici culturali immergendo lo spettatore nel tragico momento storico che stiamo vivendo, facendo appello ai valori di pace, giustizia e uguaglianza. L’arte, come strumento potente in grado di parlare della catastrofe, è intesa come “uno spazio” fatto di libertà di pensiero e parola, un territorio fertile per il confronto critico, un luogo necessario al dialogo interculturale e allo sviluppo della società che l’Europa sta costruendo da oltre 80 anni.

La mostra Captured House è organizzata dalla Kyiv Creative Management Agency PORT con il supporto  del Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina, del Ministero della Cultura e delle Politiche dell’Informazione dell’Ucraina, dell’Agenzia di Stato dell’Ucraina per le Arti e le Arti e la Regione Lazio in Italia.

Sito web https://thecapturedhouse.com/

Pagina Instagram @thecapturedhouse

Non perderti