Skip to content

Nicolai Højgaard si aggiudica il DS Automobiles 78° Open d’Italia. Francesco Laporta primo degli azzurri.

Golf - Nicolai Hojgaard vincitore degli Open D'Italia

E’ il danese Nicolai Højgaard davanti a tutti ad aggiudicarsi il DS Automobiles 78°Open d’Italia e per la prima volta vince una tappa dell’European Tour. Ottima gara di Francesco Laporta, primo degli italiani, in 4 posizione.

Un’edizione piena di sorprese che hanno portato a successi inaspettati alla conclusione del DS Automobiles 78° Open d’Italia. Al Marco Simone Golf & Country Club, Nicolai Højgaard (par 71) con un totale di 271 (66 69 65 71, -13) colpi e un birdie nel finale è entrato nella storia, non era infatti mai accaduto che due fratelli gemelli riuscissero a trionfare consecutivamente nel circuito. Rasmus Højgaard infatto è uscito vincitore lo scorso 29 agosto, una settimana esatta fa, dall’Omega European Masters di Cras-Montana, in Svizzera.

Il ventenne danese dunque si impone le torneo dopo essere stato in testa dalla penultima giornata, un torneo a cui ha partecipato grazie ad una wildcard del presidente della Federazione Italiana Golf Franco Chimenti concedendo dunque la possibilità a Højgaard di trionfare per la prima volta nella sua carriera nell’European Tour tre anni dopo il successo agli Open italiani del suo connazionale Thorbjorn Olesen.

Questa vittoria ha un significato speciale per me. Veder trionfare tre volte mio fratello Rasmus mi ha dato lo stimolo per emularlo e finalmente ce l’ho fatta. Realizzare birdie quando sei in testa alla classifica non è mai facile e nell’ultimo round ho dovuto aumentare la concentrazione per portare a casa il trofeo. Questa è e sarà sempre una giornata per me indimenticabile, soprattutto perché ho potuto contare anche sul supporto a bordo campo di mio fratello Rasmus”. Le parole del vincitore a fine gara.

Tra gli italiani ottima prestazione del pugliese Francesco Laporta che termina in una splendida 4^ posizione nella classifica del torneo, con un parziale finale di 68 (-3) con otto birdie e cinque bogey. Una gara divisa a metà, in cui nelle ultime 9 buche ha ottenuto tre birdie consecutivi seguiti però da tre bogey prima di altri due birdie. Per la seconda volta Laporta è stato il miglior italiano nel torneo. Edoardo Molinari alle sue spalle, in quinta posizione, con uno score di con 274 (-10) a pari merito con il giapponese Masahiro Kawamura e l’inglese Richard Bland. Per la cronaca, Guido Migliozzi, in 34^ posizione con 281 (-3), s’è piazzato davanti a Francesco Molinari, 52/o con 284 (par). Soddisfatto Francesco Laporta dedica il suo risultato alla sua futura figlia: aggiungendo: “Seppur la tensione agonistica fosse alle stelle, fino all’ultima buca, mi sono davvero divertito molto in campo. Il quarto è stato un round particolare e posso ritenermi sicuramente contento. Ho cercato di rimanere concentrato sul mio gioco, mantenendo la calma. L’obiettivo era quello di confermare la ‘carta’ sull’European Tour e con questo risultato ci sono riuscito. Raccoglierò le energie in vista del BMW PGA Championship di Wentworth e ora punto a un bel finale di stagione. Il risultato lo dedico alla mia fidanzata, alla nostra futura figlia e a tutto il team che mi segue”.

La cerimonia finale di premiazione sul green della buca 18 ha visto la presenza di Giovanni Malagò, Presidente del CONI; Franco Chimenti, Presidente della Federazione Italiana Golf;  Lavinia Biagiotti Cigna, Presidente del Marco Simone Golf & Country Club; Valentina Corrado, Assessore Turismo, Enti Locali, Sicurezza Urbana, Polizia Locale e Semplificazione Amministrativa, della Regione Lazio; Eugenio Franzetti, Managing Director DS Automobiles Italia; Alessandro Cardinali, Direttore Commerciale Rolex Italia; David Williams, Tournament Director European Tour; Alessandro Rogato, Direttore dell’Open d’Italia che hanno premiato prima Laporta come miglior italiano ed a seguire Nicolai Højgaard che oltre alla coppa, ha incassato 485.330,00 euro a fronte di un montepremi complessivo di 3.000.000.

Da notare l’attività durante tutto il periodo del torneo di golf nel Village degli Open d’Italia, un allestimento e una gestione a cura del CONI Lazio, con la presenza del presidente, dott. Riccardo Viola. L’area sportiva Family Open, destinata alla promozione sportiva rivolta a bambini ed adolescenti, ha dato l’opportunità di provare nuovi sport alla presenza di istruttori delle federazioni sportive con l’installazione di una parete di Arrampicata, ma anche canottaggio con simulatori Rowing, tiro con l’arco, scherma, basket, baseball ed altri sport all’aria aperta. All’interno del village anche un mini Hub Vaccinale con personale sanitario della ASL Roma 5 che ha consentito la vaccinazione anticovid di giovani sportivi ed appassionati dello sport nell’ambito della campagna “Vaccinati e scendiamo in campo” ideata e promossa dal CONI Lazio assieme alla Regione Lazio all’interno del protocollo “Coni e Regione, compagni di sport”.

 

 

 

 

Non perderti